Feeds:
Articoli
Commenti

Un fascino raccolto, chiuso nel suo centro storico medioevale, con la sua storia raccontata dai vicoli, dalle piazze, dai meravigliosi monumenti.

Una Pistoia che sorprende anche con le sue piccole botteghe, con i preziosi salumi e formaggi locali esposti, che stuzzicano l’appetito di chiunque, i preziosi frutti dell’autunno, castagne e funghi al Mercato della Sala, i piccoli caffè.

Pistoia è una città da scoprire a piedi, da gustare lentamente, percorrendo anche con i primi freddi le strade che raccontano la sua identità di città di incroci e passaggi storici, di commerci e arti, di piccoli tesori nascosti.

Date un’occhiata alle offerte week-end: un break autunnale nel cuore della Toscana all’insegna dell’arte, la tradizione e la gastronomia!

 

APT PISTOIA. A CUTIGLIANO LA GIORNATA TOURING 10-10-10
La cittadina della montagna pistoiese è inserita negli 85 luoghi di eccellenza selezionati dal touring club. Per l’occasione verrà presentata una preziosa stampa anastatica della carta cicloturistica Pistoia-Cutigliano.

L’Italia 10 e lode, località dell’entroterra dove le tipicità si possono vivere e assaporare con queste motivazioni il touring club domenica 10 ottobre ha organizzato una giornata che si svolgerà contemporaneamente in 85 località selezionate per la loro bellezza, storia e ricchezza di tradizioni. Cutigliano è una delle prime località dell’entroterra scelte dalla prestigiosa associazione, che ha assegnato al paese della montagna pistoiese la bandiera arancione e dove domenica il touring club si riunirà con i suoi soci per vivere e assaporare il territorio.
In questa occasione con il patrocinio della Regione Toscana, della Confcommercio, dell’Apt , della provincia di Pistoia e della Comunità Montana, è stato organizzato un convegno dal titolo “Turismo tutto l’anno: la destagionalizzazione del turismo nella montagna p.se” al quale prenderanno parte esponenti politici, operatori del settore ed associazioni private del territorio.
Al termine verrà presentata una preziosa pubblicazione d’epoca, la ristampa della carta cicloturistica Pistoia- Cutigliano edita dal Touring Club ciclistico italiano del 1899, riedizione resa possibile grazie al contributo del Comune di Cutigliano, dell’APT di Pistoia e grazie al contributo della Regione Toscana.
” un simbolo importante che testimonia quanto il territorio della montagna e Cutigliano siano stati punti di riferimento turistici anche in passato e come la montagna abbia sempre rappresentato un luogo di pasaggio per turisti, sportivi o semplicemente per gli appassionati di natura- commenta il direttore dell’APT Carlo Bartolini- . Un prezioso documento che ci ricorda quanto importante sia la promozione turistica della nostra montagna per l’intera Regione. Ricordiamo che la montagna pistoiese è la montagna della Regione Toscana.”

Ufficio Stampa APT

Camminiamo verso le Stelle è una passeggiata in notturna che organizza la scuola Nordic Walking dell’Abetone.

Qui trovate il programma completo delle escursioni estive,  non perdetevi il percorso di domani sera!

programma estate 2010 (2)nw

programma completo eventi Pistoia e Montagna Pistoiese: http://www.pistoia.turismo.toscana.it

Share

Cutigliano, da scoprire nella vostra estate 2010!

Share

AL CONFINE TRA PISTOIA E BOLOGNA: I MONTI DELL’ORSIGNA

Percorso 1: Dall’Orsigna alla fonte della Gabelletta
Percorso 2: Verso il Passo del Termine                                 
Percorso 3: Anello cicloturistico dell’Orsigna

Come si raggiunge in auto Orsigna:
da Pistoia: raggiungibile tramite SS n. 66 fino a Pontepetri e poi SS n. 632 “traversa di Pracchia” per 4 km con deviazione a sinistra dopo aver superato l’abitato di Pracchia.
da Lucca: raggiungibile tramite SS n. 12 “dell’Abetone e del Brennero” deviazione a destra presso La Lima sulla SS n. 66 fino a Pontepetri e poi SS n. 632 “traversa di Pracchia” per 4 km con deviazione a sinistra dopo aver superato l’abitato di Pracchia.

Percorso 1
Dall’Orsigna alla fonte della Gabelletta
Percorso mediamente impegnativo di circa 15 km (andata e ritorno) su sentiero e mulattiera. Dal paese dell’Orsigna si percorre un breve tratto asfaltato poi si imbocca l’antica mulattiera che sale abbastanza rapidamente a Case Moretto, quindi a Case Aldria. Nei pressi della strada sterrata per Case Paoluccio si piega a sinistra e si percorre un tratto in falso piano fino alla fonte della Gabelletta. Tutto l’itinerario è ombreggiato da castagni e faggi e radi boschetti di conifere.

Percorso 2
Verso il Passo del Termine
Da Case Paoluccio si prosegue verso levante lungo la strada sterrata che sale in leggera pendenza. In poco meno di 30 minuti si raggiunge il bivio per il sentiero che sale rapidamente al Passo del Termine. Il crinale stabiliva il confine tra le terre dello Stato Pontificio e il Granducato di Toscana.
Si consiglia di rifornirsi di acqua alla partenza.      

Percorso 3
Anello cicloturistico dell’Orsigna
Anello con notevole dislivello, abbastanza impegnativo di 33 km da percorrere quasi interamente in mountain bike. Dal paese di Orsigna si raggiunge la località Case Corrieri e si imbocca la strada sterrata che risale fino al rifugio di Porta Franca (ultimo tratto da percorrere a piedi). Dal rifugio si sale rapidamente sul crinale appenninico per poi scendere su sentiero alla Casetta Pulledrari. Dopo pochi chilometri di asfalto si percorre una comoda strada sterrata che taglia a mezzacosta il versante meridionale di Punta della Crina per scendere infine alla strada asfaltata per Pracchia e su questa si raggiunge nuovamente Orsigna.
Si consiglia la borraccia e soprattutto il casco. 

maggiori info su: http://www.pistoia.turismo.toscana.it

Copyright 2006 – AGENZIA PER IL TURISMO
ABETONE PISTOIA MONTAGNA PISTOIESE
Tel +39 0573 630145 – Fax +39 0573 622120

Aspettando S. Jacopo, Pistoia preziosa città d’arte…

Il passato rivive, e chi può godere di questo spettacolo recupera un po’ delle sue radici, anche se non sono necessariamente di questa città.

Lasciatevi trasportare indietro nel tempo…..

maggiori info su http://www.pistoia.turismo.toscana.it

Share

Siamo nel pieno dell’estate. Infuocata in Toscana da almeno 3 settimane, ma per fortuna estate.

E qui sulla Montagna Pistoiese la sensazione è di essere dei privilegiati, per il fatto di godersi il fresco mentre si sente un lamento generale per il caldo……non solo ci godiamo il fresco, ma possiamo anche fare tante cose!

Comincia con questo post una sorta di diario estivo della montagna, cose da fare, eventi, esperienze da vivere sulla Montagna Pistoiese nella lunga estate italiana.

Partiamo da un ponte, uno dei tanti che si trovano sui nostri appennini, ma di particolare interesse.

IL PONTE SOSPESO DI SAN MARCELLO

Nato per gli operai  della società metallurgica italiana oggi è meta di tanti turisti. Dal 1922 ad oggi  è stato attraversato da oltre due milioni di persone.

Lungo 220 metri per una larghezza di 80 cm il ponte sospeso di San Marcello è meta di molti turisti che arrivano sulla montagna pistoiese.

E’ una tappa dei tanti percorsi Trekking presenti sulla montagna pistoiese, molti partono appositamente per visitarlo anche in mountain bike.

Da Popiglio, sulla statale 12 verso l’Abetone, si scende verso l’antico Ponte di Castruccio per poi risalire fino al Ponte Sospeso, circa due ore di cammino.

Nacque nel 1922 dalla  volontà dell’Ingegner Douglas Scotti che lo progettò per gli operai della Società Metallurgica italiana residenti a Popiglio e dintorni. Grazie al ponte evitavano, infatti, di percorrere decine di km in piu’ per arrivare sul posto di lavoro.

Nel punto piu’ alto il ponte raggiunge un altezza di 40 metri ed è circondato da un paesaggio unico nel suo genere nel cuore della Lima.

Si colloca esattamente al termine dell’alta Val di Lima al centro di due catene di monti che corrono parallele. Dal 1990 il ponte sospeso è inserito nel Guinness dei Primati come “il piu’ lungo ponte sospeso pedonale del mondo”.

Ai piedi dei turisti scorre il fiume Lima dove ogni anno campioni di canoa arrivano da tutto il mondo per allenarsi.

Per maggiori informazioni contattateci ai seguenti indirizzi di posta elettronica:

info@pistoia.turismo.toscana.it

aptpistoia@gmail.com

IL PONTE SOSPESO DI SAN MARCELLO

Nato per gli operai  della società metallurgica italiana oggi è meta di tanti turisti. Dal 1922 ad oggi  è stato attraversato da oltre due milioni di persone.

Lungo 220 metri per una larghezza di 80 cm il ponte sospeso di San Marcello è meta di molti turisti che arrivano sulla montagna pistoiese.

E’ una tappa dei tanti percorsi Trekking presenti sulla montagna pistoiese, molti partono appositamente per visitarlo anche in mountain bike.

Da Popiglio, sulla statale 12 verso l’Abetone, si scende verso l’antico Ponte di Castruccio per poi risalire fino al Ponte Sospeso, circa due ore di cammino.

Nacque nel 1922 dalla  volontà dell’Ingegner Douglas Scotti che lo progettò per gli operai della Società Metallurgica italiana residenti a Popiglio e dintorni. Grazie al ponte evitavano, infatti, di percorrere decine di km in piu’ per arrivare sul posto di lavoro.

Nel punto piu’ alto il ponte raggiunge un altezza di 40 metri ed è circondato da un paesaggio unico nel suo genere nel cuore della Lima.

Si colloca esattamente al termine dell’alta Val di Lima al centro di due catene di monti che corrono parallele. Dal 1990 il ponte sospeso è inserito nel Guinness dei Primati come “il piu’ lungo ponte sospeso pedonale del mondo”.

Ai piedi dei turisti scorre il fiume Lima dove ogni anno campioni di canoa arrivano da tutto il mondo per allenarsi.

Share